Palazzo reale di Oslo, lo Slottet

di
Palazzo reale di Oslo, Norvegia

Palazzo reale di Oslo, Norvegia

Sulla collina di Bellevue, l’imponente facciata di mattoni stuccati veste di neoclassico il palazzo reale di Oslo. Lo vedo delinearsi mentre cammino Karl Johans gate, la via principale della capitale della Norvegia.

È alla sua fine che l’edificio di 173 stanze, alto tre piani con due ali ai fianchi, svetta. Simbolo centenario della monarchia norrena, durante i secoli ha subito diversi rifacimenti: solo all’inizio del XXI secolo ha assunto la forma attuale e si è aperto al pubblico.

Progettato dall’architetto danese Hans Ditlev Franciscus Linstow, il palazzo reale di Oslo vide posata la sua prima pietra il 1° ottobre del 1825 da re Carlo III. Lo stesso sovrano che ne aveva scelto il luogo di edificazione.

Le fondamenta dello Det kongelige slott, abbreviato in Slottet dai cittadini della capitale norvegese, furono ultimate nel 1827. Poi i lavori si fermarono per mancanza di fondi riprendendo nel 1833.

Solo nel 1849, durante il regno di Oscar I, il palazzo reale di Oslo venne finito. Seppur la forma è diversa da quella attuale fu quello l’anno della svolta. L’anno in cui i norvegesi poterono ammirare il risultato di così tanti anni di lavoro.

Ma per arrivare alla magnificenza di oggi doveva ancora passare più di un secolo e mezzo: un tempo lungo, quasi interminabile durante il quale lo Slottet ha subito diversi cambiamenti.

Usato per troppo tempo solo come luogo di rappresentanza, il palazzo reale di Oslo divenne poi abitazione ufficiale dei reali quando nel 1905 il regno di Svezia e Norvegia si divise formando due nazioni distinte.

Ciononostante per mancanza di fondi e di interresse, lo Slottet andò incontro a un lento declino strutturale. Success a Olav V, Harald V decise che la struttura dovesse essere restaurata in grande stile.

Incurante delle critiche per l’alta somma investita, l’attuale sovrano ha imposto la sua linea: gli appartamenti sono stati tutti completati nella primavera del 2011. Così come il tetto dell’ala principale l’anno dopo.

Ultimati i lavori, Sua Maestà ha aperto il palazzo reale di Oslo: la nobile idea di mostrare al pubblico la bellezza interna della struttura ben si sposa con la necissità di far cassa.

Per approfondire:
Wikipedia

I commenti all'articolo "Palazzo reale di Oslo, lo Slottet"

Scrivi il tuo commento tramite

Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...